Drak’kast

di / 9 maggio 2011

Un poema fantasy in versi epici moderni, questo è Drak’kast, il nuovo libro di Fabrizio Corselli, pubblicato il mese scorso da Edizioni della Sera. Si dice sia il primo caso in Italia. Di sicuro si tratta di un libro particolarmente interessante per origine, finalità e forma.
Drak’kast nasce, infatti, nell’ambito del progetto “Calypso”, che ha come scopo l’intensificazione del linguaggio nel disabile attraverso la poesia. Corselli, ideando un percorso illustrativo coerente, incentrato sui disegni di Ciruelo Cabral, ha dato vita, attraverso la scrittura, alla figura di Elkodyas, leggendario drago mutato in elfo cantore, protagonista dell’intero poema.
Finalità e forma dipendono, invece, l’una dall’altra: la volontà di ricreare un poema epico moderno basato su tematiche fantasy ha portato l’autore a percorrere la difficile strada della mimesi di materiale classico e non solo, da Omero a Virgilio, fino ad arrivare al Beowulf. Corselli riscopre, così, l’aulicità e la musicalità tipiche degli aedi, incentrando, però, l’intera sperimentazione sul verso libero. Una mimesi ben riuscita, si potrebbe dire, vista l’attenzione consapevole che l’autore dimostra in determinate scelte strutturali e stilistiche: l’impersonalità del narratore, tipica del filone epico, il ritmo del raccontare caratterizzato da una ben precisa cadenza (stanze di cinque versi ciascuna), la circolarità d’uso di certi termini e di particolari espressioni vanno ad incastonarsi in un originale mosaico che lo scrittore dimostra di costruire con sapienza e accortezza. Inoltre, la polisemia del linguaggio e la miriade di immagini create permettono a chiunque di approcciarsi al libro, ideato per un vasto pubblico e non solo per gli “addetti ai lavori”. Addirittura, in certi passi, sembra di trovarsi difronte un libro per bambini, grazie alla capacità dell’autore di sintetizzare insieme linguaggio aulico, simbolismo e potenza evocativa.
È un piacere, allora, giungere alla fine del poema e rendersi conto, leggendo l’“Appendice I”, che esiste un vero e proprio microcosmos su cui Drak’kast trova solide fondamenta. E l’Eluen Algadi, da noi volgarmente chiamato glossario, altri non è che la chiave magnifica per spalancare completamente le porte dell’epica fantasy moderna.

  • condividi:

Comments

News

effe

“effe – Periodico di altra narratività” numero otto

“effe – Periodico di altra narratività” numero otto

Archivio