Tutti gli articoli di Emanuele Pon

più tronchesi per tutt*

"Fetch the Bolt Cutters": Fiona Apple ci insegna la libertà

di / 24 aprile 2020

Da un lato, c’è la detective Stella Gibson che, in una puntata della serie crime inglese The Fall, pronuncia la battuta “Fetch the Bolt Cutters!” (“portate le tronchesi!”) di fronte [leggi]

Alla ricerca della luce

"Gigaton", il sussurrato grido di speranza dei Pearl Jam

di / 1 aprile 2020

È il caso di dire che la surreale situazione nella quale ci troviamo, in certi casi, può – provocazione – aiutare. Gigaton, ultimo disco dei Pearl Jam – l’undicesimo in [leggi]

Un bel gioco dura poco

“Giovanissimi” di Alessio Forgione

di / 17 marzo 2020

Con l’inserimento ufficiale nella dozzina dei finalisti al Premio Strega 2020, Giovanissimi di Alessio Forgione (NNEditore, 2020) si assume l’onere di consacrare il suo autore, o quanto meno di farlo [leggi]

This place doesn’t move me

"Man Alive!", viaggio nel mondo e nel suono di King Krule

di / 11 marzo 2020

Immergersi. Lasciarsi invadere, senza pretendere di capire. È questo che è necessario fare per approcciare nel migliore dei modi Man Alive!, ultimo disco di Archy Ivan Marshall (1994), in arte [leggi]

Quel che resta
del novecento

Su “Gli dei notturni” di Danilo Soscia

di / 2 marzo 2020

Misurarsi con il Novecento, tracciarne uno schema riassuntivo, è pratica consolidata, probabilmente perché si ha di fronte un secolo tra i più densi di “storia ufficiale”. Cento anni frastagliati, spesso [leggi]

La fretta lenta dei Tame Impala

Pregi e difetti dei "The Slow Rush"

di / 26 febbraio 2020

Il titolo dell’ultimo disco dei Tame Impala, The Slow Rush, suona come un ossimoro: “la fretta lenta”, o qualcosa del genere. È interessante partire proprio da qui: l’unione di svariati [leggi]

La madre di tutte le occasioni sprecate

Father of All... dei Green Day: come NON reinventarsi

di / 12 febbraio 2020

Un pennarello per bambini disegna il logo vecchio stile della band, e il titolo dell’album si staglia sul braccio che 16 anni fa esibiva il cuore a forma di bomba [leggi]

La guerra è un piano sequenza

Come la forma esalta il contenuto: la lezione di Sam Mendes

di / 30 gennaio 2020

«Dedicato al maggiore Alfred Mendes, che ci ha raccontato le storie»: questa è la frase posta in calce a 1917. Non potendo sapere con certezza se Alfred avrebbe apprezzato il lavoro [leggi]

Amazon rende liberi?

Nuova catena di montaggio, stessa alienazione: il lavoro 2.0 secondo Ken Loach

di / 23 gennaio 2020

Sorry we missed you è forse la frase che l’Academy dovrebbe rivolgere a Ken Loach, guardando in retrospettiva alla sua carriera ignorata dagli Oscar, o anche solo a questo ultimo [leggi]

Zalone: Tolo (tolo) contro tutti

Il ritorno di Luca Medici

di / 10 gennaio 2020

Checco Zalone ha abituato pubblico e critica italiani a film costruiti a tavolino, nel senso più positivo del termine, e questa volta non è da meno. C’è un obiettivo, c’è [leggi]

News

effe

“effe – Periodico di altre narratività” numero dieci

“effe – Periodico di altre narratività” numero dieci

Archivio